Sterilizzazione

All’interno degli studi è molto importante la sterilità, per questo gli odontoiatri dello studio dentistico Ceccarelli Innocenti invitano - se possibile - ad entrare senza accompagnatori e senza troppi “bagagli”.

Per evitare batteri o virus, lo studio ha messo in atto un severissimo sistema di controllo: utilizza materiali e strumenti “monouso”, che vengono cioè eliminati dopo essere stati utilizzati una sola volta: aghi, siringhe, fiale, lame da bisturi, suture, guanti, mascherine, piastrine da impasto, dischi e striscette abrasive, matrici, coppette, preformati per otturazioni, dighe, pennellini, bicchieri, telini, garze, cotonini, aspirasaliva, aspiratori chirurgici, ecc...

Per tutte le altre attrezzature lo studio esegue un rigoroso processo di sanificazione: ogni strumento viene immerso in liquido disinfettante all’interno di una vasca ad ultrasuoni per consentire il distacco di particelle e materiali organici anche non visibili a occhio nudo. Al termine del ciclo vengono lavati manualmente con soluzione disinfettante, asciugati accuratamente, impacchettati con un’apposita termosigillatrice e sterilizzati in autoclave a vapore a vuoto frazionato per 20 minuti a 135°C. Così facendo, gli strumenti chirurgici mantengono la sterilità assoluta fino al momento dell’uso. Anche i manipoli e le turbine (i cosiddetti “trapani”) vengono cambiati e sterilizzati dopo ogni paziente.
 
Ovviamente anche tutte le superfici dello studio vengono lavate, asciugate e disinfettate con cura dopo ogni intervento (con ipoclorito, clorexidina, fenolo e gluteraldeide al 2%), e questo garantisce l’eliminazione di qualsiasi microrganismo, spora o tossina, anche le più resistenti. Inoltre tutto il personale operativo è dotato di protezioni individuali come camici, mascherine, guanti, schermi, occhiali, visiere, e paraspruzzi.

Share by: